Archivio di maggio, 2017

IL DICIASSETTE (anno del centenario) PRIMO MAGGIO

Aggiungi un commento

Di David Riondino

Il Diciassette (anno del centenario)
Primi di Maggio 

Arriva maggio. Son problemi seri
in Oriente: gli astuti coreani,
coi loro criminali parrucchieri,
si accapigliano con gli americani. ​
Si scambiano improperi ed anatemi
torvi, bizzarri, fantasiosi, arcani. ​
Mentre sul campo, perfidi e cortesi,
invisibili crescono i cinesi.

In medio oriente, restano sospesi
i conti, nella grande malattia
di Racca e di Mosul, coi troppi mesi
d’assedio. Dicono che vanno via
i mercenari tedeschi e francesi:
hanno paura, fuggono in Turchia.
E se la guerra è guerra, si prospetta
la rotta, la sconfitta, la vendetta.

Qui da noi, c’è la storia maledetta
della nave che carica i migranti.
Salva le loro vite e li traghetta,
come mettono in conto i trafficanti.
Può capitare di vedere stretti,
in una barca, criminali e santi:
il bene e il male, nella indefinita
traversata del senso della vita.

In Francia, si è giocata la partita
tra Le Pen e Macron, con Depardié
che ha detto che non vota. Che la vita
politica è noiosa, che non c’è
più gusto né colore, che ogni cosa
è sciatta e piatta, priva di pathé.
Vince Macron! La piazza di Parigi
è un turbinante scintillar di grigi.

 

Scritto da Francesco Spadoni

8 maggio 2017